memorie di Auschwitz, di Adele Libero

Come correva il treno sul binario, era un serpente nero che mangiava le vite di quei tanti prigionieri… quegli occhi che tremavano d’orrore. “Mamma ma dove andiamo” noi stasera, ho fame e sete… Continua a leggere

Vota: