“Il testamento” di Raffaele Viviani, sempre a cura di Adele Libero

stasera, finalmente, il debutto dello spettacolo “Viviani varietà” al Teatro della Pergola e quarta e ultima “goccia” di Viviani regalataci da Adele Libero…

http://www.youtube.com/watch?v=MAIh1UOsNls&feature=share&fb_source=message

Si overo more ‘o cuorpo sulamente

e ll’anema rinasce ‘ncuorpo a n’ato,

ì mo sò n’ommo, e primma che sò stato?

‘na pecora, ‘nu ciuccio, ‘nu serpente?

E doppo che sarraggio, ‘na semmenta?

n’albero? quacche frutto prelibbato?

Va trova addò staraggio situato:

si a ssulo a ssulo o pure ‘mmiez”a ggente.

Ma ‘i nun ‘e faccio ‘sti raggiunamente:

ì saccio che songh’io, ca sò campato,

cu tutt’ ‘o buono e tutt’ ‘o mmalamente.

E pè chello che songo sto appaciato:

ca, doppo, pure si nun songo niente,

saraggio sempe ‘n ‘ommo ca sò nato.

…………………………………………..

Se davvero muore il corpo solamente

e l’anima rinasce in corpo a n’altro

Io, ora uomo, prima che son stato?

Pecora, ciuccio, oppure un serpente?

E dopo io che sarò, una semenza?

N’albero? Qualche frutto prelibato?

Chi sa dove starò io situato:

se a solo, oppure in mezzo a tanta gente.

Ma io non mi faccio ‘sti ragionamenti;

so cosa son io, che son vissuto,

con tutto il buono e tutto il malamente,

E per quello che sono, sto appagato,

che, dopo, pur se non sono niente,

sarò sempre l’uomo che son nato.