“Sciabole di sole” di Beatrice Bausi Busi, dalla silloge “La stessa cosa fluente” 2005

20140613_152036

Sciabole di sole fendono l’aria rarefatta

cristallina com’acqua di montagna

desiderio di ciaramelle zampogne e pane caldo

d’erba sottile, verde quali alcuni smeraldi brasiliani

un filo fra le labbra pensierose.

Sognare l’utopia forse, lo stare tutti bene

e che niente per un poco accada.

Voglia di sensi appagati e calmi

di sentieri piani da percorrere adagio

non erti   non scoscesi

di tranquilla inattesa monotonia.

Solo dormire

mangiare

lavarsi le mani

alzare il viso al cielo

e trascorrere  vivere  passare

pacificamente,  per un po’….

nuvole distratte che passeggiano

nello smaltato azzurro.

senza un fine.

Annunci