“La testa di Luca” di Adele Libero

 la testa di luca

 

Quante sciarpe ca’ tene Lucariello,

Tante, ca me pare o’Bambeniello.

Se l’è mise pecchè fa friddo assaje

e pe’ annasconnese ‘a tutte e guaje.

A matina s’aiza e scarfa ‘a colla,

mentre aspetta ca o’ cafè niro volle.

Ma che tene rinto a capa Lucariello?

Pecchè fa’ ancora ‘a grotta a o’ Bambeniello?

Pecchè sta chino ‘e sogne e fantasia,

e ‘o male nun ‘o sape cosa sia,

vulesse tutto o’ munno chino ‘e pace

vulesse a’ ggente ca’ fusse felice.

E comme fanno ‘e poete overe,

s’addorme sunnannese ‘e pensiere,

‘nu presepe l’appare all’improvviso,

chiure l’uocche e sta già n’Paraviso.

Ma quante sciarpe tiene Lucariello,

tante che mi sembra il Bambinello.

Se l’è messe perché fa freddo assai

E per nascondersi da tutti i guai.

La mattina s’alza e scalda la colla

mentre aspetta che il nero caffè bolla.

Ma cos’ha in testa Lucariello?

Perché ogni anno fa la grotta al Bambinello?

Perché ha solo sogni e fantasia

il male non sa proprio cosa sia,

vorrebbe un mondo pieno di pace

vorrebbe che la gente fosse felice.

E così come tutti i poeti veri

s’addormenta sognandosi i pensieri,

un presepe gl’appare all’improvviso,

chiude gli occhi e sta già in Paradiso.

Desideravo fare un omaggio al grandissimo Eduardo de Filippo. In particolare mi collego alla prima scena di “Natale in casa Cupiello”, dove Luca, il personaggio principale, al risveglio si sfascia la testa da due o tre sciarpe di lana indossate di notte per proteggersi dal freddo. Scena indimenticabile per la maestria dell’attore nel lentamente comparire con un viso assonnato, che desta l’ilarità generale,  è veramente degna di un talento insuperato.

Come ricorderemo, la commedia, sempre ondeggiante tra momenti comici e momenti tristi, si conclude con la morte di Luca che, incapace di assimilare i problemi e le brutture del mondo che lo circonda, si rifugia sempre più nelle sue fantasie, tanto da trovare l’ultimo conforto nella visione di un vero Presepe che, come quello da lui ostinatamente preparato ogni anno, riesce a portarlo ad una dimensione divina.