“Ofelia” di Adele Libero

 ofelia

disegno di Gaia de Rossi

Lunghi capelli sciolti,

sulle tue bianche spalle,

in bocca un canto sciocco,

inno all’amore andato.

I pochi fiori rosa

dell’ultima collana

al vento dedicata,

fanciulla castellana.

In cuore due dolori troppo grandi,

a rompere un destino delicato,

senza più guida,

senza più fiato.

Il tuo canto alla luna,

con note regalate dalle stelle,

finì in fondo al fiume,

piccola dea,

senza coscienza alcuna.

Fiore d’un tempo avverso,

storia d’un tempo perso.