“Pioggia” di Adele Libero

pioggia luglio

La magia della pioggia, attesa,

prima sospesa, nell’aria sì afosa,

poi sottintesa, da lampi, da tuoni,

sonori ceffoni della montagna,

si bagna, infine la terra,

ringrazia, risponde la vigna,

già inaridita, bollita, dal sole cocente,

sì come il mio cuore, dolente.

S’immagina adesso, col fresco,

un nuovo percorso, sul viso,

un alito sospiroso,

che valica nudo e indeciso

quel senso di vuoto lasciato

da chi, pur amato,

soltanto pioggia ha donato.