“Febbrajo a Napoli” di Adele Libero

febbraio a Napoli

 

Me sceto: è caruta tanta neve,

stanotte ‘o vico è diventato janco,

e ‘o piccerillo mio ca tene ‘a freve,

m’ha ditto ca se sente troppo stanco.

E quanno manca ‘o sole pe’ ‘sti vvije

nuje ce sentimme stracque e avvelute,

diventeno cchiù serie ‘e malatie

e pure ‘a fede, pare, se n’è gghiuta.

Ma po’ Febbrajo a Napule se scioglie,

‘nu juorno o duje e spunta ancora ‘o sole

‘o vico torna allero, chino ‘e voglie

‘e se ponno verè spuntà ‘e vviole.

Pure ‘o criaturo mio, ca s’è sanato,

me guarda e dice “ma arò stà ll’inverno ?!”

‘O vico tutto intorno s’è scarfato,

e chisto è Paradiso, no l’Inferno.