Dark Sea – il regno sotterraneo, di Claudia Piano, Coedit edizioni, recensione di Daniela Domenici

 51alacbcqhl__sx361_bo1204203200_

Nel giro di poco più di anno, tra il 2015 e il 2016, ho letto e recensito i quattro libri della saga di Armonia che la scrittrice e musicista genovese Claudia Piano ha creato e pubblicato.

Inarrestabile la sua fantasia, quasi travolgente; e ora Claudia torna al genere che sente più consono, il fantasy, dopo un intervallo romantico con “Cuori confusi”, e dà inizio a una nuova saga di cui “Dark Sea” è l’esordio e lo definisce un “urban fantasy ambientato in Liguria”, nella sua amatissima regione che descrive nei dettagli con tanto amore.

Ancora una volta l’autrice sceglie come protagonista una donna; dopo Giulia nel mondo di Armonia qui troviamo Vittoria la quale scopre, anche lei, di avere in dono un potere magico come ha Giulia: quello di portare la pace, di essere una sorta di guaritrice grazie a un…non ve lo dico altrimenti vi tolgo la curiosità di immergervi nel mondo dei demoni alati che cambiano la vita di Vittoria e della sua amica del cuore Isabella.

Rinnovo i miei complimenti a Claudia per lo stile che avevo già apprezzato nei suoi precedenti libri: sempre scorrevole, fluido, delicato, intriso di sapori, odori e colori e non poteva mancare la sua passione principale: la musica; e la ringrazio per avermi citato nei ringraziamenti finali con parole così affettuose.

 

Annunci