Masako Wakamiya: a 81 anni inventa un’app

È risaputo che non scorre buon sangue fra anziani e nuove tecnologie. Una scena molto esemplificativa è quella del nonno o della nonna di turno che, alle prime armi con il cellulare, chiedono aiuto anche solo per fare una semplice chiamata. Tuttavia non tutti gli anziani incontrano queste difficoltà con la tecnologia. Masako Wakamiya è una donna giapponese di 81 anni che ha creato Hinadan, una nuova app ora disponibile su iTunes. L’applicazione è un gioco che si basa sulla festa Hinamatsuri, la “giornata delle bambole”, che cade il 3 marzo. Durante la giornata, in Giappone vengono preparate delle piattaforme con tappeti rossi dove vengono esposte delle bambole che raffigurano la famiglia imperiale con la corte al completo, decorate con i vestiti tradizionali del periodo tra l’VIII e il XII secolo. Durante la festività le famiglie giapponesi, in particolare i bambini, pregano dinnanzi ai bambolotti per trasferire su di essi le eventuali sfortune che affligono il nucleo familiare. Con l’applicazione della signora Masako è possibile quindi giocare, sistemare e adornare le bambole. Poi, una volta completata la missione, il gioco termina e compaiono le congratulazioni.

E dire che l’inventrice di questa app ha acceso per la prima volta un computer alla veneranda età di 60 anni. Dopo una vita passata a lavorare in banca, arrivata alla pensione ha deciso di esplorare il mondo informatico. Così ha iniziato a prendere lezioni online: “un giovane ragazzo mi ha insegnato il linguaggio Swift della Apple via Skype e Facebook Messenger“. Masako voleva rendere semplicemente creare un passatempo per le persone della sua generazione, un po’ avanti con l’età: “Ho creato questa applicazione perché quelle esistenti sono praticamente tutte per le giovani generazioni e c’erano troppe poche occasioni di divertimento per chi è più grande” ha affermato.

http://www.105.net/news/tutto-news/227209/inventa-un-app-a-81-anni-ecco-la-storia-masako-wakamiya.html

Annunci