Sonetto rinterzato in napoletano sull’amore deluso (ovvero altro che principe azzurro)

 

Si scrivo ‘nu sonetto sull’ammore,

capisco ca è n’errore

ma din’to core io sto disperata

pe’ dinte ‘e carne tengo ‘nu tremore

nun sento che dulore

so’ comme na chitarra ch’è stunata.

 

Quanno veniste appriesso, ammaliatore

eri ‘nu piscatore

e ‘a rezza toja avive già acalata

perfetto jucatore.

E je, senza sapè, c’ero cascata .

 

Me sapive dà vase e fa’ prumesse:

ce ne fujmme ampresse,

o sentimento tuojo era importante

eri ‘nu bravo amante,

me regnive ‘e parole, e’tengo impresse.

 

Po’ ‘o tiempo arape sempe ll’uocchie annante

e quase int’a n’istante

capette ca’ nun c’era mai interesse !

So’ sempe ‘e stesse

‘e principe fasulle ed ignorante !

…………………..

fuggendo con la mente

la tempesta che viene poderosa.

Illumina la notte fortemente

di lampi e non si sente

che il tuono rotolare e nessun osa

al cader del silenzio tener mente

a quanto tra la gente

il panico diffonde. Timorosa

di tutto tace e il fulmine radente

sfiora così rovente

il cielo e poi svanisce e muore. Posa

in pace l’onda dal temere ancora:

si placa per un’ora

il mare e tutto intorno rasserena

il cielo ed una vena

d’azzurro ricompare come allora

chiara e si tace il vento nell’amena

sera che vien; la pena

allontanando da noi e nell’Aurora

che presto verrà ancora

l’anima nostra poi sarà serena.

 

 

 

 

 

 

 

 

.

 

Annunci