8 luglio 2017: concerto della banda dell’esercito in piazza Signoria, recensione di Daniela Domenici

 

Quale cornice più magica si può immaginare per un concerto  del piazzale antistante Palazzo Vecchio in piazza Signoria a Firenze?

La banda dell’esercito, splendidamente diretta da Antonella Bona, originaria di Augusta, città in cui la sottoscritta ha vissuto per ben sei lustri, ci ha deliziato ieri sera con un magico concerto tra la copia del Davide di Michelangelo e il Biancone in restauro.

Purtroppo sono arrivata a concerto già iniziato e quindi non so esattamente che brani mi sia persa ma quelli che ho ascoltato mi hanno dato la misura della straordinaria bravura sia dell’orchestra che della loro direttrice che ha mescolato professionalità e calore umano, sorrisi e simpatia sia alla sua orchestra che verso il pubblico presente.

I quattro brani che ho applaudito sono stati: la colonna sonora di “La vita è bella” di Nicola Piovani, una composizione di Leonard Bernstein, la colonna sonora de “Il postino” di Luis Bacalov e un estratto da “Le Villi” di Giacomo Puccini.

Il momento per me più emozionante e magico, da rimanere in apnea fino alla fine, è stato quando il primo clarinetto dell’orchestra (di cui, purtroppo, non ricordo il nome) si è trasformato in fisarmonica solista per incantarci con la colonna sonora de “Il postino”: applausi calorosi e prolungati sono stati tributati, meritatamente, dal pubblico presente.

Stasera la banda si esibirà a Torre del Lago nell’ambito del festival dedicato a Puccini.

P.S. Unica nota negativa (e qui parla Daniela docente d’inglese e traduttrice): la ragazza che affiancava il presentatore e che avrebbe dovuto tradurre le sue parole in inglese….non vi dico cosa si è inventata perché mi vergogno, avevo una voglia matta di andare da lei, toglierle il microfono e mettermi al posto suo…sarebbe stato meglio se si fossero limitati alla presentazione in italiano.

 

Annunci