A passiata, di Adele Libero

Pecchè Napule mia è accussì bella,

ca m’è venuto, fisso, ‘nu vulio:

ca quanno moro, sempe si vo’ Dio

m’’a voglio lentamente salutà.

 

‘O carro hadda fa’, comme si dice,

na bella e lunga e doce passiata,

hadda passà p’ ‘e ogne cara strata

e mmiezo ‘a gente po’ m’hadda purtà.

 

Voglio verè ancora Via Petrarca,

Tuledo, ‘o Chiatamone, Mergellina,

m’aggia sturià ‘e nave d’’a Marina

‘o mare, ‘o cielo primma ‘e me ne ‘j !

 

E sulo doppo jammo ‘o cimitero,

addo’ voglio ‘na nicchia in bella vista.

Dice ma chesta po’ era n’artista?

Si, ‘nu poeta ca ve sta ‘a salutà !!

Annunci