A Napoli (strofe saffica), di Adele Libero

 

 

Sta storia è tanto bella e emozionante

ca vo’ pe’ forza ca je va racconto,

e tratta ‘e ‘na città viva e lucente

pure ‘o tramonto.

 

‘A vollero  Angioini ed i Normanni,

l’austriaci, i francesi ed i Borboni,

ma a ttutte lle venettero ‘e malanne,

brutte padrune.

 

Cu’ Masaniello po’ ce fuje ‘a rivolta,

e ‘o popolo crerette ‘e cumannà,

ma ampresso chesta libertà fuje tolta

senza ’ fiatà.

 

Mo’ a vonno ‘e partite e  ‘sta camorra,

se’ so’ arrubbate ‘e sorde e ‘a dignità,

e chiagne sola sola chesta terra,

pure all’està.

Annunci