Doje novembre, di Adele Libero

 

Dint’a sti viale, pe’ stu santo juorno

s’avviano tanta core scunsulate,

purtanno sciure, nu buccale adorno

‘e rose janche, ‘e lacrime bagnate.

 

Se corre, se fa’ ‘o giro attuorno attuorno:

‘e zii, tutte e cuggine, e quatte nonne,

frattanto già s’è fatto miezo juorno,

e a folla p’’e l’uscita s’incolonna.

 

E songo tutte serie e rattristate,

chiagneno fazzulette ‘e lacrimucce,

…allora pecchè in vita, assaje mazzate

se deveno pure pe’ poche spicce??

Annunci