Anni 50 , di Adele Libero e Renato Fedi

Chi nelle vene ha gli anni cinquanta,
tra prime gite, mare e motorini,
i genitori belli, lieti e aitanti,
a dar la caccia ai sogni dei bambini.

Chi grazie a Dio la guerra non l’ha vista
ed ha mangiato pane e cioccolata,
i dischi di vinile li ascoltava
con la voce di Mina o dei New Trolls.

Giovani anni ad arricchir le tasche,
il sangue ad andare veloce nelle vene,
c’erano i Platters a girar sul piatto
mentre il cuore cantava tra i tremori.

Era il tempo delle emozioni nuove,
quando alle guance salivano i rossori,
ballando un lento, con i corpi uniti,
la timidezza affacciata al mondo.

Ricordi emozionanti del passato,
piccole stelle accese nella mente,
rubando al Tempo un po’ di quello spazio
per chi nel Tempo passa brevemente.

 

Annunci