sogni, di Adele Libero

Ca’ ‘a seggia ‘a sdrajo e ‘na cuperta vecchia
sta ‘o sole ‘o vicchiarello, stammatina,
pensiere mmano e chiuse songo l’uocchie,
l’aria ‘e dicembre è pura e sopraffina
Annante ‘o panorama cittadino:
là sta ‘o Vesuvio, a Villa Floridiana,
là ncoppo sta ‘o puntone ‘e San Martino
e ciento spiecchie dinto ‘o mare.
Chianos’addorme ‘o vicchiarello e s’alluntana,
se porta spasso ’e memorie ‘e giuvintù:
‘na femmena, a famiglia, a mente sana
a combattere ogni juorno e pure ‘e cchiù.
Po’ ‘o sole avota areto a ‘na cullina,
e ll’ombra sceta ‘o viecchio a chisto suonno,
già ‘o viento asciutta ‘a lacrima bambina
e isso è comme ‘o rre ‘e miezo munno.

 

Annunci