piove a Napoli, di Adele Libero

Comme è cchiù cara, quanno chiove assaje
e ‘sta città, bagnata, s’arrepara,
palazze n’fuse, chine e zuppe d’acqua,
vicule fridde, ‘o panno appiso stracqua.
Chiù care ‘a pioggia e cchiù ‘a sento vicina,
no comme quanno ‘o sole spanne ‘a luce,
chesta tempesta è comme ‘o core mio
chino ‘e dumande, ca nun c’hanno ‘a voce.Allora è vera e se ‘a pulezza ‘a faccia
se mostra annura senza cchiù ‘nu trucco,
je passo e vaco pe’ ‘sti viche astritte
e abbraccio a terra, si, l’abbraccio tutta.

Annunci