la mia opera d’arte, di Loredana De Vita

My Piece of Art

La propria vita è come un’opera d’arte, quell’affresco di cui solo noi conosciamo le luci e le ombre, il senso e la direzione. Quello che chi ci osserva vede non è che una parte di ciò che esiste davvero e spesso tale parte visibile non è che una minima parte di quanto le nostre esperienze raccontano. Siamo in balìa di chi ci osserva senza comprendere, ma pontificando come se avesse la chiave di tutto. Eppure, ben poco sanno della nostra vita e dell’opera d’arte che ci rappresenta. Non una virgola o un punto del mio scrivere, né una pennellata sul quadro della mia vita può contenere il tutto che sento vibrare nel mio tempo e dal quale capita di sentirsi poco rappresentati. Ci vuole pazienza, pudore, sudore, fatica, onestà, dignità per rivelare quel poco di sé stessi che lo sguardo altrui possa percepire dall’affresco della propria vita. Non sarà mai troppo né abbastanza quello che nell’espressione del mio vivere e nella mia scrittura riesco a offrire perché mentre porgo ciò che sono, già altro e altrove è il mio essere. Porgo con gentilezza, allora, il quadro della mia vita a chi ne possa percepire la sfumatura che gli aggrada nella consapevolezza, però, che non è tutto e che mai tutto sarà poiché non esiste un contenitore che possa contenere il tutto, in grado di acquisirlo e schedarlo come noto e degno di nota. La libertà dello spirito libero non può essere contenuta né spesso compresa, ma non importa, la libertà è la mia direzione e in essa offro e accolgo il poco o nulla che sono e che ho…Questa sia la mia opera d’arte, l’opera d’arte della vita mia che cresce senza smettere di imparare, che ama sapendo di poter odiare, che vive, sapendo di dover morire.