vuoto, di Adele Libero

Piccolo amore smarrito,
piccolo cuore perduto,
sali sull’arcobaleno
e trovi un mondo inventato.

Si brucia il falò dell’amore,
passione divisa ore ed ore,
gli ulivi ci stanno a guardare
nel mentre il fumo scompare.

Le idee così piene di sogni:
la casa, un futuro bambino,
le gite, le corse giù al bar,
le attese nel nostro destino.

Preme il male, sul volto e le spalle,
la tua bocca già più non m’assale,
non chiede di baci un concerto,
ritorna alla vita normale.

Ma scopro al mattino il cuscino
bagnato da lacrime amare,
è vuoto il tuo corpo di uomo,
ritorna, ti offro il perdono.