Ferrausto (Ferragosto), di Adele Libero

E sse stuta ogge ‘o ffuoco dell’estate,
‘ o viento scioscia n’faccia a sti cabbine
e fa pure cadè quacche bikine
che steve stiso ncoppo a s’asciuttà.

A pioggia cade e te faje na doccia,
a na poltiglia s’arreduce ‘a spiaggia,
se scassano ‘e castielle d’’e guagliune
e ‘o mare è troppo mosso pe’ natà.

Pe’ chi sta ‘a casa è na’ liberazione,
se dorme tutta ‘a notte, finalmente.
‘O frigo tace co’ ventilatore,
e pure ‘e juorno tu può riciatà.

Però frattanto arrivano ‘e bullette,
‘e ggas e luce ca nun haje usato,
‘e prezze, ggià se sa, songo aumentate,
e mo pe’ n’anno nun ‘e può abbassà.

‘O purtiere saluta già scucciato,
te dice, si Dottò, je ccà so stato,
‘e strade comme sempe so’ allagate,
muglierema è fujuta ‘ inta all’està.