Archivio categoria: Adele Libero

“Il colore delle parole” di Adele Libero

Ma che colore hanno, le  parole? Quello dei prati verdi, o dell’azzurro mare. Ma dove prendon forza le  parole? Da rocciatori alpini, tornati da montagne, aspre di fiori. Ma hanno forse mani, le … Continua a leggere

Vota:

“A Monsignor Ivan Martini”, omaggio di Adele Libero

Diletto figlio, ti prego, attento, salvar la chiesa è un progetto folle. Poche le statue, poche reliquie, niente che conti, davvero tanto. Ma col tuo cuore non lo fai il conto, quello è… Continua a leggere

Vota:

“Il cuore degli alberi” di Adele Libero

Ho parlato al cuore degli alberi, che, verde, racconta la sua storia, d’amori  antichi, di cara  memoria, di passate stagioni, di bel clima. Ho visto fiumi rossi, inquinati, respirare a fatica, tra la… Continua a leggere

Vota:

“Vuo vedè” da “o’ Canisto”, ancora una poesia di Eduardo De Filippo

  Vuò vedè ca cunfromme me ne vaco, tu me vuo’ bene cumme ll’ata sera, e rieste, cumm’ ‘a me, felice e allera, pecchè sai ca si parto, resto ccà? Ccà resto, ‘o… Continua a leggere

Vota:

“Quanno parlo cu te” da “‘o Canisto” di Eduardo De Filippo tradotta da Adele Libero

A parlà c’ ‘a luna e ‘o sole songo buone tutte quante: nnanz’ a luna tu te ncante e te miette a ragiunà. Spicialmente ‘a luna chiena me risponne a tuono, sisco, e… Continua a leggere

Vota:

“L’amore”, dolce riflessione sull’amore da bambini di Adele Libero

A volte i vecchi detti sono sciocchi. Ma chi ha detto, ad esempio, che c’è l’età dell’amore? E quale sarebbe? A venti, a trenta, a quaranta? L’amore bussa già ad anni otto:  ti… Continua a leggere

Vota:

“La leggenda di Pizzomunno”, fiabesco omaggio di Adele Libero alla Puglia

Si cercava il simbolo più puro, d’eternità d’amore, senza macchia. L’Italia fu girata in lungo e in largo, fino a Puglia assolata, al bel Gargano. E a Vieste brillò,  bianco gigante, monolite adagiato… Continua a leggere

Vota:

“A Melissa”, tenero, delicato omaggio di Adele Libero

  Quando i fiori nasceranno capovolti, quando  le formiche potranno volare, e gli alberi perderanno foglie a primavera, allora ti sveglierai, piccolo amore mio. Gli occhi ora spenti rivedranno il sole, le braccia… Continua a leggere

Vota:

“Agli scugnizzi delle quattro giornate di Napoli”, commovente ricordo-dedica di Adele Libero

Non sorridevi,  col fucile in mano, gli occhi brillanti d’odio e pur di rabbia calzoni rotti e ricuciti invano. anima pronta a guerra nella sabbia. Eri  Gennaro, dodici anni appena, qualcuno grande ti… Continua a leggere

Vota:

  • categorie – argomenti

  • articoli recenti

  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo sito e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

    Unisciti ad altri 934 follower

  • Follow daniela e dintorni on WordPress.com
  • flag counter

    Free counters!

  • le/i mie/i followers

  • classifica articoli