“A ‘nzogna” di Adele Libero, deliziosa poesia ironica in lingua napoletana

Peppì, me mprieste mille Euro?

Totò, ma tu fusse scem’ n’capo?

O’ ssai quant’è luntano ‘o vintisette,

nun fumo cchiù, nun joco cchiù a tressette,

mme sì rimmasu sulu tu, n’amico ‘overo,

ma si ogni juorno me’ circh’ o’denaro,

l’amicizia se squaglia comm’a nzogna,

e me fai sentì comme a na’ carogna.

Perciò, fratu miu, aiza o’ bicchiere,

e vivete stu vino ch’è sincero,

e e’sorde nun ce’ penzà, penza a l’ammore.

……………………………………………..

La sugna

Peppino, mi presti mille euro?

Totò, ma che sei scemo?

Lo
sai quanto è lontano il ventisette,

non fumo più, non gioco più a tresette

mi sei rimasto solo tu, un amico vero

ma se ogni giorno mi chiedi danaro

l’amicizia si scioglie come la sugna

e mi fai sentire una carogna.

Perciò fratello mio, alza il bicchiere

e beviti questo vino che è sincero

E ai soldi non pensarci più, pensa all’amore.