“Il marinaio” di Adele Libero

 il pescatore

 

L’ultimo canto al sole

d’un vecchio marinaio,

che aveva visto gli anni

correre con le ali.

Ricordava tempeste,

serate accanto al fuoco,

con le reti distese,

da poco riparate.

Ricordava suo padre,

i consigli e le lotte,

convincerlo a studiare,

invece d’esser mare.

Ma la vita ormai spesa,

non pesava più tanto,

perché s’era arricchito

d’aria, sole e d’incanto.

Nelle grotte da solo

s’era immerso pregando

di trovare un tesoro,

il più bello del mondo.

Ed ora di lontano

l’orizzonte chiamava,

e lui dalla sua nave

la terra salutava.