‘A gelusia (sonetto elisabetto-napoletano), di Adele Libero

 

‘A gelusia è ‘nu sciore cu doje spine,

ca cresce dinto o’ core nnamurato,

e quase tutta ‘a vita se trascine

si l’omme nun è subbeto curato.

 

‘A primma spina già lle pogne ‘o core

appena isso vere ‘a Nunziatina,

ca ‘o guarda e votta a rete ‘e piscatore

e ammalia comme ‘o sole d’’a matina,

 

Po’ quanno ‘nzieme stanno sull’altare,

parte ‘a siconda spina malamente,

e pure si essa giura tanto ammore

lle morde sempre mpietto crudelmente.

 

E’ chesta ‘a spina ca faje cape e muro

pecchè si tu vuo’ bbene ‘un sì sicuro.

 

 

 

La gelosia è un fiore con die spine

che cresce dentro il cuore innamorato,

e per la vita quasi si trascina

se l’uomo non è subito curato.

 

La prima spina già gli punge il cuore

appena che lui vede Nunziatina,

che guarda e butta rete di pescatore

e ammalia come il sole alla mattina.

 

 

Poi quando insieme stanno sull’altare

c’è la seconda spina, prepotente

e pur se lei gli giura tanto amore

gli morde sempre in petto, cudelmente.

 

E’ questa spina che fai capo e muro

perché se tu vuoi ben non sei sicuro

 

Annunci