Manchester, di Adele Libero

 

Di sangue s’è imbevuta quell’arena,

di membra sparse ovunque è il triste conto,

poi chiodi e pianti forti di bambini

nella sera d’un maggio senza luna.

 

Ora si raccomanda andare avanti,

niente e nessuno ci dovrà fermare,

ma di Cristiani segue la mattanza,

è un triste fiume che ci può allagare.

 

Annunci