Maria (ispirata al romanzo “Non scavalcare quel muro” della scrittrice Loredana de Vita)

 

S’’a sbucciava, comme ‘nu limone,

‘a riduceva ogne juorno a niente,

quanno vuleva se pigliava ‘o corpo,

senza rispetto, o ammore. Indifferente.

 

‘Na cosa, ‘na bammola, ‘na pezza,

tanto cuntava dint’ ’e mane soje,

ne turturava l’anima, dicenno:

“tu vale poco, tu si’ quase pazza”.

 

Pe’ quanto tiempo jette annante ‘a cosa,

pe’ quant’anne sta femmena suffrette,

senza lamiente, financo affettuosa,

comme si ‘a colpa nun fosse palese.

 

E quanno, infine, se ne jette ‘a vita,

isso forse manco se pentette,

pecchè sta donna ‘un l’aveva amata,

e comme ‘a ‘nu limone essa sfiurette.

Annunci