Vita da pensionati, glosa di Adele Libero

Mote
A quanno ce ne jetteme in penzione
sta vita s’e cagnata, v’assicuro,
tenimmo ‘o tiempo libero, sicuro,
matina, miezujuorno e pure a sera.
—-
Nun ce sta chhiù bisogno ‘e s’ajzà ampresso
ogne matina e correre al lavoro,
‘o sta’ in fila p’aspettà nu mezzo
a quanno ce ne jetteme in penzione.

Sta vita s’è cagnata, v’assicuro,
vaco in palestra e al club culturale,
e leggo assaje giurnale e pure ‘e libbre
ca primma m’’e sunnavo pure a sera.

Tenimmo ‘o tiempo libero, sicuro,
e pozzo preparà tanti pranzette,
maritemo è cuntento e cchiù maturo,
pure si sta facenno un poco a’ panzetta.

Peccato ca ce stanno ‘e malatie,
e da’ ‘o duttore spisso ce se trova,
‘e pillole nun mancano, chesto è overo,
matina, miezujuorno e pure a sera !!!

Componimento particolare, originario del Portogallo, dove i primi versi (Mote) vanno ripetuto nelle quartine successive (Glosa) uno alla volta.

Annunci