‘O spitale, di Adele Libero

Jere matina je so’ stata male,
nu forte capogiro, ‘o svenimento,
m’hanno purtato ‘e corza all’ospedale:
‘o miereco, ‘o nfrmiere, ‘o paravento.
“Nulla di grave, stando all’apparenza,
ma si devono fare gli altri esami,
per questo è necessaria la degenza,
almeno oggi, e poi forse domani”.Me so ricoverata int’’o Reparto,
chillo d’’a Medicina Generale,
maritemo ha ditto “io mo’ parto
tu statte p’’a corzia ‘e ll’ospedale.

‘E notte llà, lamiente d’’e malate,
a luce fioca, ‘o fieto d’’a corzia,
aggio chiagnuto comme a disperata
pecchè jevo truvanno ‘a casa mia.

‘E sei ‘a matina cu nu male ‘e testa
accummencia ‘o tran tran d’’a degenza:
chi tira ‘o sangue, che, po’ lesta lesta
se ne va’ ‘a fa’ ‘e ragge con urgenza.

Pe’ pranzo n’ala ‘e pollo ed inzalata
pe’ cena broro finto e purpettine,
ma vire si può sta tutta ‘a jurnata
digiuna, stanca e chiena ‘e mmerecine.

Intanto ‘o duttore nun s’è visto,
dice, ma allora se sape je che tengo?
nun se risponne, è nu fritto misto,
sentite, je metto ‘a firma e me ne vengo !!

 

Annunci