A vita mia, di Adele Libero

E quanno è notte e s’addormenta ‘o cielo
e tutte ‘e piccerille hanno paura
ca dinto ‘o suonno arriva l’uomo nero
e s’’e porta cu isso, con gran zelo,

‘na mamma allora stregne ‘sti manelle
facennele sunnà vicino ‘e stelle.
Na varca d’oro, chiena d’angiulille,
se’’è porta a passià, sti piccerille.

E pure nuje, cchiù gruosse, quanno è notte,
vulimme sta’ abbracciate cu quaccuno,
vulimme e damme e vase ‘e bonanotte,
sentenne dint’’o core ‘na canzone.

Pe’ mè sì tu chesta canzone doce,
si tu me viene appriesso è fantasia
e nun me lasse maje senza ‘sta luce
e chist’ammore è tutta ‘a vita mia.

Annunci