Dal vangelo secondo Paolo Fox, di Sarah Arenaccio, recensione di Daniela Domenici

Sto ancora sorridendo mentre provo a raccontarvi quanto mi abbia affascinato questo libro di Sarah Arenaccio che ho divorato in un soffio.

I miei primi complimenti di vero cuore vanno alla sua straordinaria, delicata e, allo stesso tempo, prorompente ironia che è il leit motiv, il fil rouge di questa sua storia che ha come principali protagonisti Beatrice e la sua famiglia, Anthony e il suo compagno Diego, Luca ed Emiliano: ognuna/o di loro viene caratterizzata/o con una leggerezza che fa sorridere il cuore.

Oltre alla suddetta, grande capacità di sdrammatizzare col sorriso la cifra distintiva, il valore aggiunto, di Sarah Arenaccio è il suo perfetto stile narrativo, dal ritmo incalzante, senza un attimo di pausa, denso di dialoghi, una vera perla rara, ve lo assicura la sottoscritta bibliorecensora ma anche correttrice di bozze ed editor da tanto tempo.

Un terzo elemento (ce ne sono ancora altri…) che me l’ha fatto amare è la passione esagerata di Beatrice e Anthony per l’astrologia (mi diverto a fare, per gioco, l’astrologa da strapazzo…) che non solo condiziona le loro vite ma che è anche servito come escamotage strutturale in quanto l’autrice ha “scandito” le loro vicende con l’aiuto dei segni zodiacali: bravissima!!!

P.S Paolo Fox l’avrà letto?

 

Annunci