Quadricipiti femorali e articolazioni del bacino, di Nino Ermes

 

Oggi ci occupiamo di due esercizi molto importanti per la parte superiore delle gambe e per le articolazioni coxofemorali.

 

Quadricipiti femorali: In ginocchio con le punte dei piedi in estensione e con un’apertura delle ginocchia un po’ più larga del bacino e i piedi più larghi possibile, ci si siede sul tappetino tra le caviglie portando le braccia dietro la schiena; poggiandole al pavimento si prova ad abbassare la schiena più possibile al tappetino piegando i gomiti fino a toccare con le spalle il pavimento. Le prime volte ci si ferma fin dove la propria elasticità muscolare e la capacità articolare lo consentono, poi con costanza e perseveranza nel tempo si faranno piccoli progressi che porteranno a un risultato insperato. Mantenere la posizione per trenta secondi e tornare a quella di partenza recuperando per dieci secondi, ripetere l’esercizio per tre volte.
Posizione dell’ostacolista: Seduti su di un tappetino con le gambe distese in avanti si piega il ginocchio destro tenendolo a contatto con il tappetino e si porta il piede dietro la schiena e le braccia lungo la gamba sinistra abbassando più possibile la schiena in avanti. Mantenere la posizione per trenta secondi e tornare a quella di partenza riportando la gamba destra distesa in avanti, recuperare per dieci secondi e poi ripetere lo stesso esercizio piegando il ginocchio sinistro e mantenendo distesa la gamba destra sempre per trenta secondi e ripetendolo per tre volte.