“La testa di Luca”, delizioso omaggio in forma di filastrocca in doppia lingua di Adele Libero al grande Eduardo

Ma quanta sciarpe tene n’capa Lucariello?

Tante, ca me pare o’Bambeniello.

Se l’è mise pecchè fa friddo assai e

pe’ nasconnese a tanta e tanta guaie.

A matina, appenza aizato scarfa a colla,

mentre aspetta ca o’ cafè niro volle.

Ma che tene rinto a capa Lucariello?

Pecchè ogne anno fa a grotta a o’ Bambeniello?

Pecchè tene sulo sogne e fantasia,

o’ male nun sape manco cosa sia,

vulesse ca into o’ munno ce stesse sulo pace

vulesse ca a’ ggente fusse tutta felice.

E accussì comme tutte e poete vere,

s’addorme sunnannose e pensiere,

n’enorme presepe vere all’improvviso

e chiure l’uocche, sta già n’Paraviso.

————————–

Ma quante sciarpe ha in testa Lucariello,

tante che mi sembra il Bambinello.

Se le è messe perché fa freddo assai

E per nascondersi da tanti e tanti guai.

La mattina appena alzato scalda la colla

Mentre aspetta che il nero caffè bolla.

Ma cos’ha in testa Lucariello?

Perché ogni anno fa la grotta al Bambinello?

Perché ha solo sogni e fantasia

Il male non sa proprio cosa sia,

vorrebbe che nel mondo ci fosse solo pace

vorrebbe che la gente fosse tutta felice.

E così come tutti i poeti veri

s’addormenta sognandosi i pensieri,

un enorme presepe vede all’improvviso

e chiude gli occhi: sta già in Paradiso.

Mi sono permessa di fare un omaggio a nostro grandissimo Eduardo de Filippo. Infatti nella prima scena di Natale in casa Cupiello Luca, il personaggio principale, al risveglio si sfascia la testa da due o tre sciarpe indossate per proteggersi dal freddo. Scena indimenticabile, la maestria dell’attore nel lentamente comparire con un viso freddo e assonnato è veramente degna di un talento insuperato.

Adele