“Napoli occupata”, un’altra splendida dichiarazione d’amore di Adele Libero per la sua città

Stammatina ‘o mare è troppo azzurro,

‘nu colore violento ca’ t’abbaglia,

rinto ‘o core te vene ‘nu sussurro,

è l’ammore ca’ oggi t’arrepiglia.

Rinto ‘o vico mo’ se stanno scetanno:

nu gatto se lecca a’ zampetella.

na’ juagliona già spanne e’ primme panne,

n’auciello già me cerca a mullechella.

Dio che storia ca tene sta città,

p’o passato fuje spisso occupata,

a’ Spagna, a’ Francia e pure l’Alemanno

mettettero ‘o pero pe ce scunucchià.

E invece fuiene tutte arrevutate,

s’annamuraiene lloro inta ‘a ll’està:

‘da luce, delle strade, de culure

e a casa lloro nun vulettero turnà.

E allora io dico, ma scusate,

se si bellezze overo so restate

pecchè nuie ne facimmo nu mistero

e ce’ tenimme tantu  belle astipate?

Facimmele verè o munno intero,

arricamammo ville e lungomare

apparecchiammo e’ strate po’ museo

purtammolo a Pusilleco e  a’ Marechiare.

Sunammo na canzone a Margellina

magnanno ddoi o tre taralle inzieme a te’,

e po’ verimme si na bella matina

nun simme tutte ricche cchiù e nu rrè.

…………………………………………..

Napoli occupata?

Stamattina il mare è troppo azzurro,

un colore violento che ti abbaglia

dentro il cuore ti viene un sussurro,

è l’amore che oggi ti ripiglia.

E nel vicolo si stanno svegliando,

un gatto si lecca la zampina

una ragazza già i panni sta stendendo

un uccellino mi chiede la sua mollichina.

Dio, che storia ha questa città,

per il passato fu spesso occupata,

Spagna, Francia e pure Germania

la invasero per averla inginocchiata.

E invece si capovolse tutto,

in estate essi si innamorarono

della luce, delle strade, dei colori,

e a casa loro più non ritornarono.

E allora, dico io, ma scusate

se queste bellezze davvero sono rimaste.

perché ne facciamo un mistero

e ce le teniamo tutte conservate?

Facciamole vedere al mondo intero,

ricamiamo ville sul lungomare,

prepariamo le strade per il Museo.

portiamoli a Posillipo e a Marechiaro.

Suoniamo una canzone a Margellina,

mangiamo due o tre taralli insieme a  te

e poi vediamo se una bella mattina

non siamo tutti ricchi più di un re.