Ginestra di giugno, di Adele Libero

Mi viene tra le braccia la ginestra,
stordisce di profumo la mia faccia,
è il simbolo d’estate vero e fresco
che chiama a quell’effimera beltade.

Chè se la cogli s’appassisce presto,
il fiore si restringe in un momento,
l’acuto odore sfuma come incenso
e il cuore balza a strappi dentro al tempo.

Annunci