chi è Anne McLaren, la genetista del doodle di oggi, di Silvana Palazzo

Anne McLaren, chi è la genetista britannica/ Pioniera della fecondazione in vitro (ilsussidiario.net)

Anne McLaren, pioniera della fecondazione in vitro, di Simone Petralia | daniela e dintorni

Anne McLaren protagonista oggi su Google, che ha deciso di celebrare il 94° anniversario della nascita della genetista inglese. È considerata una figura di rilievo nella biologia dello sviluppo, infatti è la pioniera della fondazione in vitro. Se questa tecnica è realtà lo si deve al lavoro compiuto dalla scienziata che nel 1958, quando lavorava all’University College di Londra, riuscì per la prima volta a rimuovere embrioni di topo dall’utero materno, tenerli in coltura per 24 ore per poi impiantarli nell’utero di un altro topo. Così nacquero dei topolini sani e il successo di questo esperimento aprì la strada allo sviluppo di tecniche simili appunto per gli esseri umani. Prima di diventare dottoressa, però, ebbe una brevissima carriera di attrice. A 9 anni, infatti apparve nel film di fantascienza “La vita futura“, sua prima e unica esperienza da attrice. Visto che considerava difficili i test di ingresso per studiare letteratura inglese a Oxford, scelse di iscriversi alla facoltà di zoologia. Fu così che nacque in lei la passione per la genetica e l’evoluzione.

Proseguì i suoi studi e nel frattempo sposò il collega Donald Michie, diventato uno dei massimi esperti mondiali di intelligenza artificiale. Il matrimonio durò solo sette anni, nei quali Anne McLaren ebbe tre figli e lavorò col marito all’University College e al Royal Veterinary College. Dopo il divorzio si trasferì all’Institute of Animal Genetics di Edimburgo, dove rimase 15 anni. Qui portò avanti i suoi studi sulla fertilità, le tecniche di trasferimento degli embrioni e le chimere, che sono animali costituiti da cellule provenienti da due o più ovuli. Una volta terminata la sua esperienza qui, tornò a Londra. Nel 1974 divenne direttrice della Mammalian Development Unit del Medical Research Council, dove condusse ricerche sullo sviluppo e la differenziazione delle cellule germinali nei mammiferi, collaborando con biologi e genetisti internazionali. Da ricercatrice Anne McLaren pubblicò oltre 300 articoli scientifici, ma soprattutto due libri che hanno avuto un impatto profondo sulla comunità scientifica, uno sulle chimere e l’altro sull’embriologia.

Proseguì i suoi studi e nel frattempo sposò il collega Donald Michie, diventato uno dei massimi esperti mondiali di intelligenza artificiale. Il matrimonio durò solo sette anni, nei quali Anne McLaren ebbe tre figli e lavorò col marito all’University College e al Royal Veterinary College. Dopo il divorzio si trasferì all’Institute of Animal Genetics di Edimburgo, dove rimase 15 anni. Qui portò avanti i suoi studi sulla fertilità, le tecniche di trasferimento degli embrioni e le chimere, che sono animali costituiti da cellule provenienti da due o più ovuli. Una volta terminata la sua esperienza qui, tornò a Londra. Nel 1974 divenne direttrice della Mammalian Development Unit del Medical Research Council, dove condusse ricerche sullo sviluppo e la differenziazione delle cellule germinali nei mammiferi, collaborando con biologi e genetisti internazionali. Da ricercatrice Anne McLaren pubblicò oltre 300 articoli scientifici, ma soprattutto due libri che hanno avuto un impatto profondo sulla comunità scientifica, uno sulle chimere e l’altro sull’embriologia.