“‘Ngiulina” di Raffaele Viviani (traduzione in italiano di Adele Libero)

Dato che sabato e domenica prossimi Massimo Ranieri regalerà al pubblico fiorentino un omaggio a Raffele Viviani l’amica Adele Libero ha trovato e tradotto alcune poesie di questo grande autore napoletano,oggi pubblico la prima e la ringrazio per questo arricchimento…

Ogne vota ca veco a ‘Ngiulina
sciacquà’’e panne ‘int’a tina, acalata,
m’ aggia fa’ na mez’ ora ‘e guardata,
e ‘o penziero cammina, cammina.

Accummencia a lavà’ d’’a matina:
ogne ghiuorno se fa na culata,
e ‘a vunnella ‘int’’e scianche, scurciata,
cchiù s’accorcia, cu ‘a capa ‘int’’a tina.

E io ca stongo ‘e rimpetto cu ‘o vascio,
levo ll’ uocchie, ma ll’ uocchie llà vanno;
e guardanno guardanno, m’ accascio.

Nu suspiro e lle dico:–‘Ngiulì’!
Essa ride e, turcenno nu panno,
cchiù se move, pe’ farme suffrì’.

Angiolina

Ogni volta che vedo Angiolina

sciacquar  panni nel tino, abbassata

devo farmi mezz’ora di guardata,

e il pensiero cammina, cammina.

Incomincia a lavar di mattina:

ogni giorno si fa una colata

la gonnella nei fianchi, scorciata,

più s’accorcia, col capo nel tino.

E io, che sto di rimpetto col  basso,

alzo gli occhi, ma gli occhi là vanno;

e guardando guardando, m’accascio.

Un sospiro e le dico: “ Angiolì!”

Lei ride e, strizzando un panno,

più si muove per farmi soffrir!

NB La culata (colata) non era altro che il faticoso processo di lavaggio a mano, effettuato in tinozza o al fiume.

Annunci