Ascolto, scritta a quattro mani da Adele Libero e Renato Fedi

di Adele Libero

Per una notte ancora, allora,
seguo le sfide del domani,
rimangio tutti i miei dubbi,
attacco le follie di ieri.

Se sulle dune marine, si perde,
l’ansia del mondo notturno,
se i perché e i come s’agitano
nella spuma gonfia d’orgoglio

di Renato Fedi

L’occhi nel buio immersi

e l’anima aperta a far da faro,

aggancio alla mente il senso

dei giorni offerti al divenire.

Parla silente il nero intorno

e tutto di me freme in ascolto

del borbottio soffuso e tenue

che sfoglia l’album del vissuto.

Annunci