Stammatina di Eduardo de Filippo, traduzione in italiano di Adele Libero

sanmartino

tratta da “O canisto”

Me sò scetato tant ‘ ‘ buonumore
Ca, p’ arapì o balcone,
me so nfilato sulo nu scarpone.
Chill’ato…
No pe’ dispietto, o pe’ me cuffià,
s’è annascunnuto…
nun l’aggio truvato…
forse pecchè vuleva pazzià.

Me sò scetato tant ‘ ‘ buonumore:
e me cuccaje cu chella scacchiatura…
pe qua’ ragione?…e chi ne sape niente…
Aissera me credevo,
ve giuro ca ‘o ssapevo…
essa dicette ca…che saccio che…
io rispunnette ca…che ssaccio quanto…
ca nun è nato ancora
chi adda fa fesso a me,
ca so nu santo…

Ma mò port’ ‘o ccafè.
Ll’agggio sentuta
C’ ‘o steva abbrusulenno,
s’è vestuta,
e m’ ‘o porta redenno,
e nu surzo pedono nce’ ‘o pigliammo
for’ ‘o balcone.
E zitto, nun parlammo….
sentennece cchiù buone
e cchiù felice.
Essa capisce chello can nun dico,
mentr’io capisco chello can un dice.

Ll’ria fresca e pulita d’ ‘a matina
ce lav’ ‘a faccia,
‘e penziere c’ ‘e sceglie,
a cuscienza ce’ ‘annetta.
E quant’è bello,
si ‘o saje vedè “napulitanamente”
Napule !
E’ bello ‘e juorno, ‘e notte, e ‘a mattutino
E quant’è bello ‘o nomme p’ ‘o chiammà.

‘Ojllanno, San Martino,
ca se vò fa vedè senza na nuvola…
e i’ pure, ‘o ‘ bbi, tengo nu pède scauzo…
sent’ ‘o ffrisco d’ ‘a preta.
……………………………………………………

stammatina

Stamattina

Mi son svegliato così di buonumore,
che, per aprir il balcone,
mi son infilato solo uno scarpone.
Quell’altro.
non per dispetto o per schernire,
s’è involato,
non l’ho trovato,
forse perché voleva scherzare.

Mi sono alzato così di buonumore,
e mi coricai con quella incacchiatura…
per che ragione?…e chi ne sa più niente….
Ierisera mi credevo,
vi giuro, lo sapevo,
lei disse che…ma chissà che.
Io le risposti che…ma chissà quanto…
che non è nato ancora
chi può far fesso a me
che sono un santo.

Ma mo porta il caffè,
l’ho sentita
che lo stava abbrustolendo.
S’è vestita,
e me lo porta ridendo.
E un sorso ciascuno ce lo prendiamo
fuori al balcone.
E zitto, non parliamo,
sentendoci più buoni
e più felici.
Lei capisce quello che non dico,
mentr’io capisco quello che non dice.

L’aria fresca e pulita della mattina
ci lava la faccia.
La coscienza ci netta.
E quant’è bello,
se la sai vedere “napoletanamente”,
Napoli !
E’ bello di giorno, la notte e la mattina,
e quanto è bello il nome da chiamar.

Ecco lassù San Martino,
che si vuol far vedere senza una nuvola…
e pure io, vedi, ho un piede scalzo,
sento il fresco della pietra.

Annunci