“Musicals e dintorni”, CD (ancora inedito) di Leonardo Marino, recensione di Daniela Domenici

 leonardo

Nella mia precedente “vita siciliana” quando mi dilettavo anche a scrivere recensioni teatrali ho avuto l’onore e il piacere di conoscere Leonardo Marino, un gentiluomo d’altri tempi che ha nelle sue vene un po’ di Sicilia, un po’ di Lombardia e tanta America che trovano risalto nella sua splendida voce.

Dato che non sapevo praticamente niente di lui e della sua densa biografia artistica pensai di fargli un’intervista

https://danielaedintorni.com/2012/06/05/intervista-a-leonardo-marino/

nel 2012, poi, tornai per qualche giorno in Sicilia e volli andare ad ascoltarlo, applaudirlo e recensirlo in questo suo one-man-show

https://danielaedintorni.com/2012/08/04/sicilia-new-york-andata-e-ritorno-a-catania/

Leonardo mi ha fatto gentilmente dono del suo ultimo CD, ancora inedito, in cui sono raccolti alcuni dei suoi cavalli di battaglia che ho ascoltato nello spettacolo di cui sopra e altre “new entries”, ve ne voglio parlare in dettaglio…

Il titolo provvisorio di questo suo nuovo CD è “Musicals e dintorni” che ci dà già un’idea dell’ambito in cui il cantante si muove; sono 13 brani assolutamente diversi sia per lingua che per tematiche che per ritmi, alcuni celeberrimi, altri appena creati: basta solo chiudere gli occhi e lasciarsi avvolgere dalla calda e appassionata voce di Leonardo (col solo nome divenne celebre nel 1969 quando cantava la sigla dello sceneggiato televisivo “La freccia nera”)

Inizio, per amore della mia anima sicula, dai tre in lingua siciliana, di due di loro in fondo a questa mia recensione metterò anche il testo:

  • “Duetto d’amore” dal più celebre musical di Tony Cucchiara “Pipino il Breve”
  • La ballata del lino tratta da una celebre poesia di Nino Martoglio
  • Sinni vannu blues dedicato ai nostri conterranei costretti all’emigrazione

E ora i quattro brani in lingua americana tratti da celebri musicals:

  • “But not for me” di George Gershwin tratta dal musical “Girl Crazy”
  • “Over the rainbow”, portata al successo da Judy Garland, tratta da “Il mago di Oz”
  • “Somewhere” e “Tonight” tratti dal musical “West Side Story”

Sempre in americano ascoltiamo “Georgia on my mind” composta nel 1930 da Gorrell e Carmichael, che Ray Charles eseguì per la prima volta nel 1960 portandola al successo e che è poi diventata l’inno della Georgia nel 1979.

Delizioso riascoltare anche “Don Peppino Garibaldi” tratta dall’opera teatrale “La rosa e la nivi” di Giuseppe De Martino che è autore del testo mentre Leonardo Marino lo è della musica.

C’è poi “Moritat (von Mackie Messer), cantata in italiano, tratta da “L’opera da tre soldi” di Bertolt Brecht che è l’autore del testo musicato da Kurt Weill, canzone che fu inserita in seguito e che ne divenne il simbolo.

E ascoltiamo anche un celebre cavallo di battaglia di Gilbert Becaud “Et maintenant”.

Concludo con le due più recenti creazioni musicali di Leonardo, la prima canzone s’intitola “Vita vissuta” che è un brano molto autobiografico ed è dedicato alle donne più importanti della sua vita; la seconda è “Paura di me”, un testo che racconta il disagio di non stare bene con se stessi e dei tentativi di cercare di cambiare.

Come avrete capito Leonardo, a dispetto dell’età anagrafica, è ancora un Cantante con la C maiuscola: stessa voce e stessa passione di quando esordì non diciamo quanti anni fa, complimenti di vero cuore. Go on in this way, dear friend!

Duetto d’amore da “Pipino il breve”

Amuri amuri amuri amuri amuri

quantu cosi ti dassi

quantu cosi t’à dari

Amuri amuri chi mi veni a diri

senza di tia comu putissi fari.

Amuri amuri amuri amuri amuri

nun ci ponnu timpesti

p’astutari st’amuri

Ramuzzi profumati chini ‘i sciuri

‘nta lu me pettu ‘nserranu lu cori

Iu nun aviva milli cori ‘mpettu

unu ca nebbi

ti lu desi a tia

veni si ni vo’ vidiri l’effettu

nta lu me cori

trovi stampatu

lu to ritrattu.

……………………….

“La ballata del lino”, rielaborazione di “Tidda” di Nino Martoglio

Tidda

Ju patirria li guai di lu linu,

tagghiatu tuttu, poi stisu a lu chianu,

poi mazziatu e fattu finu finu,

senza ca nni ristassi un filu sanu;

poi fattu matapolla e musulinu,

poi fazzulettu, pri li vostri manu;

d’accussi sulu vi staria vicinu

e no ca v’è guardari di luntanu!…

Signurunedda, vui c’ arraccamati,

‘ntra lu tilaru, arreri la vitrina,

dicitimi: pirchi è ca mi guardati

quannu di ‘ ddocu passu, a la matina?

Li vostri augghi sunnu prilibati,

su’ d’azzaru e ccu la punta fina,

ma chiù puntuti sunnu e chiù ammulati,

ss’ occhi, ‘ntra ‘ ssa facciuzza di bammina.

Vui ccu ‘ss’ ucchuizzi beddi e tradituri

arraccamati supra lu me’ cori,

arraccamati ‘na cifra d’amuri:

ma tuttu spurtusatu lu me’ cori,

mori pri la priizza e lu duluri,

senza chi vui sapiti pricchi mori.

II

Pri carità, ‘scutati ‘sta prijera

ca ju vi dugnu, amata signurina,

quann’è ca svòtu’ di ‘ssa cantunera

non mi guardati, arreri la vitrina!

Si poi circati la battista vera’

pi farici ‘na cifra suprafina,

priparati la sita e la ugghiera

arraccamati ‘st’ arma mia mischina.

Anzi putiti arracamarni dui,

cifri di focu, tutti dui vicini,

la cifra di mia e la cifra di vui.

E allura si non vénnu purpurini,

‘ntra li rucchedda nun circati chiui,

fatili ccu lu sangu di ‘sti vini!