“‘A mamma” di Raffaele Viviani tradotta in italiano da Adele Libero

in vista dello spettacolo del prossimo finesettimana su Viviani alla Pergola seconda “goccia” che Adele Libero ci regala per conoscere questo grande autore napoletano…

‘A mamma è n’ata cosa: ‘o cereviello,
ll’ asse d’’a casa, ‘o sciato, ll’ armunìa;
è chella ca cumanna ‘a cumpagnia:
sta ‘ncapa ‘o capo ‘e casa, è nu cappiello.

Attuorno tene sempe nu ruciello,
abbada a mille cose, fa ‘a Maria;
e si nun sbatte pe’ na malatia,
va ascianno sempe ll’ ago cu ‘o rucchiello.

A chi nu punto, a chi na cera storta,
a chi nu vaso, a chi n’ avvertimento.

E se capisce ‘a mamma quann’ è morta,
quanno nun ce sta cchiù sta scucciantona:
ca pare ca t’accide ogne mumento e,
doppo nu minuto, te perdona.

La mamma

La mamma è un’altra cosa, è il cervello,

l’asse di casa, il respiro, l’armonia,

è quella che comanda la compagnia,

sta sopra il capo di casa, è un cappello.

Intorno ci ha sempre un capanello,

bada a mille cose, fa la Maria,

e se non si ferma per una malattia,

cerca sempre il suo ago e rocchetto.

A chi un punto, a chi una faccia storta,

a chi un bacio, a chi un avvertimento.

E si capisce la mamma quando è morta,

quando non c’è più questa scocciantona:

che pare ti uccida ogni momento e,

dopo un minuto ti perdona.