“Tre ppiccerille”, di Eduardo de Filippo con versione in italiano e note di Adele Libero

hqdefault

 

Tre ppiccerille,

sott’a nu mbrello:

duje bruttulille,

n’ato cchiù bello.

Chillu cchiù bello,

cchiù strappatiello,

purtav’ ‘o mbrello

a rras ‘e cappiello.

Tre suricille,

tre mappatelle,

tre ricciulille,

sei scarpetelle.

Sei scarpetelle

Ch’e chiuvetielle,

ch’ ‘e ffettuccelle,

ch’ ‘e ppurtuselle.

P’ ‘o vecariello,

porte e purtelle:

c’ ‘o zumpetiello

‘a sbutecatella…

Quanta reselle,

quanta resille,

ch’ ‘e llavarelle,

ncopp’ ‘e mussille !

Tre suricille,

tre mappatelle.

Tre strummulille.

Sei scarpetelle…

Chillu cchiù bello,

cchiù strappatiello,

purtav’ ‘o mbrello

a rras ‘e cappiello.

Come afferma lo stesso Eduardo (Le poesie di Eduardo – Enaudi), “Tre ppiccerille”, scritta, come altre poesie per distendersi e superare qualche impasse nella stesura delle sue commedie, lo aiutò ad andare avanti nella trama di Filumena Marturano. I tre piccolini sono, poi, nella commedia i tre figli di Filomena.

L’ispirazione vera, però, gli era venuta (cfr. ‘O Canisto, Edizioni Teatro San Ferdinando) in una giornata di tempesta e vento nel salire un vicolo di Napoli, procedendo muro muro per proteggersi dalle folate di vento e pioggia. Ed ecco pervenire al poeta “i toni freschi e cristallini delle reselle e resille dei tre ppiccerille”. Che non sono, pertanto, come qualcuno in seguito ipotizzò, i tre fratelli De Filippo che, dice orgogliosamente l’Autore, non sono mai andati “ch’ ‘e pertuselle” !!!

La poesia è ambientata, come fa quasi sempre Eduardo che non privilegia la Napoli bella da cartolina, in un vicolo battuto da una tempesta. Notate il gran ritmo, dato da vocaboli brevi, assonanze e rime continue che non lasciano respiro fino all’ultimo verso, che chiude l’immagine come la cornice di un quadro.

Ed ecco la mia versione in italiano, aiutata dalla traduzione di alcuni vocaboli napoletani a margine della poesia nel ricordato “Le poesie di Eduardo”:

Tre ppiccerille

Tre ppiccerille,

sotto un ombrello,

due son bruttini

l’altro più bello.

Quello più bello,

più grandicello,

portava l’ombrello

a fil di cappello.

Tre topolini,

tre involtini,

tre ricciolini,

sei scarpettine

con i chiodini

le fettuccelle,

con i buchini.

Pel vicarello,

porte e portelle,

con il saltello,

la giratella…

che risatelle,

che sorrisini,

che pioggerella

su quei musini.

Tre topolini,

tre involtini,

tre trottolini,

sei scarpettine.

Quello più bello,

più grandicello,

portava l’ombrello

a fil di cappello.

Annunci