La straniera, di Adele Libero

Silente nel pallore della luna
contempli il miracolo del mare,
che compie mille cicli nella notte
per dare in dono il sale alla sua rena.

E tu, col cuore gonfio di dolore,
bella come un’attrice sulla scena,
attendi quel ritorno ormai insperato,
girando intorno al faro qual falena.

All’alba poi ti togli quei vestiti,
e nuda corri piano verso l’onde,
negli occhi un sogno che adesso sfuma
per tutti tu sei come una sirena.

Annunci