“Penziere mieje”…di Eduardo

Inauguro oggi un nuovo spazio del mio blog, un omaggio molto particolare di Adele Libero, napoletana doc anche se attualmente vive altrove, al suo, e nostro, grande Eduardo: la traduzione in inglese di alcune sue poesie.

Eduardo è già noto in tutto il mondo,  e infatti non c’è bisogno di scriverne il cognome, ma Adele vuole provare, nel suo piccolo, a dargli maggiore visibilità traducendo, dato che è laureata in inglese (come la sottoscritta), alcune sue poesie…

Penziere mieje…

Penziere mieje, levàteve sti panne,

stracciàtev’ ‘a cammisa, e ascite annuro.

Si nun tenite n’abito sicuro,

tanta vestite che n’avit’ ‘a fa?

Menàteve spugliate mmiez’ ‘a via,

e si facite folla, cammenate.

Si sentite strillà, nun ve fermate:

nu penziero spugliato ‘a folla fa.

Currite ncopp’ ‘a cimma ‘e na muntagna,

e quanno ‘e piede se sò cunzumate:

un’ànema e curaggio, e ve menate…

nzerrano ll’uocchie, primm’ ‘e ve menà!

Ca ve trovano annuro? Nun fa niente.

Ce sta sempe nu tizio canusciuto,

ca nun ‘o ddice… ca rimmane muto…

e ca ve veste, primm’ ‘e v’atterrà.

1948

………………………………………………………..

Thoughts of mine

Thoughts of mine, take all your clothes off,

tear your shirt and go out, naked.

If you don’t have a real dress,

what are all your dresses for?

Throw yourself into the street,

and if you create a mob, go on,

if you hear someone shouting, don’t stop,

a naked thought creates a mob.

Hurry up on the top of a mountain,

and when your feet have entirely worn,

take your courage in your hands, and cast yourself away,

closing your eyes before ….

And if they find you naked? It doesn’t matter,

You can always find somebody you know,

Who doesn’t tell, who remains silent

and dresses you before burying you.