“Vuo vedè” da “o’ Canisto”, ancora una poesia di Eduardo De Filippo

 

Vuò vedè ca cunfromme me ne vaco,

tu me vuo’ bene cumme ll’ata sera,

e rieste, cumm’ ‘a me, felice e allera,

pecchè sai ca si parto, resto ccà?

Ccà resto, ‘o ssaie: sto ccà. Pure si a vita

me porta a n’ata parte…

E me fa pena tanta e tanta gente

ca quanno parte, ‘o vero se ne va.

…………………………………………………..

Vuoi vedere?

Vuoi veder che appena me ne vado,

tu mi vuoi bene, come l’altra sera,

e resti, come me, felice e allegra,

perché sai che se parto resto qua?

Qui resto, lo sai, resto. Pur se la vita

mi porta da un’altra parte…

E mi fa pena tanta e tanta gente,

che quando parte davvero se ne va.

Annunci