Arido campo di Adele Libero

Arido campo,

senza più amore,

non hai più palpiti,

non hai  piacere,

cresceva di  giorno

un fiore sperduto,

sbocciava e moriva

nel tempo appassito.

Nel mattino di grano,

s’intrecciavano le spighe

nel vento di maggio

sorridevano, amiche.

Ma poi grandine ardita

s’accanì sul mio campo,

tingendo le nubi

di nero e spavento.

Adesso c’è fumo,

dove crescevan  le messi,

e il  mio cuore

è terra riarsa.