“Donna e lavoro – Crisi n°3” di Adele Libero

Raccontami donna,

di quando filavi

e zitta subivi,

le angherie maschili.

Raccontami donna,

di tempi migliori,

col camice blu

in fabbrica andavi,

uno stipendio ricevevi

scalando la vita.

E poi finalmente,

istruita e di cuore

un’impresa creavi

soltanto per te.

Il tempo passava

lambendo la vita,

prendendosi gli anni

cosiddetti migliori.

E or che c’è crisi,

la prima ad uscire,

senza mai protestare,

sei ancor una volta te.

Ritorni a servire,

famiglia e marito,

stipata nell’angolo

più inutile della casa.